Il Regno Unito prevede di diventare un hub Bitcoin globale

La maggior parte dei paesi è sul punto di attuare misure per regolamentare le società di Bitcoin. Da un lato, alcuni governi sono disposti a regolamentare rigorosamente le società, mentre altri scelgono una posizione più flessibile. Nel corso degli anni, il Regno Unito è rimasto il fulcro finanziario dell’Europa e come è ora, il paese sembra esserlo seguendo lo stesso percorso per Bitcoin.

david cameron uk bitcoinDavid Cameron

Il primo ministro britannico David Cameron si sta attualmente godendo la sua prima missione commerciale nel sud-est asiatico da quando è stato rieletto e ha menzionato i “soliti colpevoli” come Rolls-Royce e Lloyd’s di Londra, ma anche la società di Bitcoin Blockchain.

La menzione è un segno positivo per l’industria britannica dei Bitcoin, dal momento che il governo deve ancora prendere una posizione rigorosa sulle cripto-imprese. Tuttavia, le società di Bitcoin dovrebbero attendere presto una regolamentazione sul riciclaggio di denaro, anche se la Banca d’Inghilterra ha recentemente condiviso dichiarazioni incoraggianti sulla criptovaluta.

Il fatto che il Regno Unito abbia deciso di invitare una società Bitcoin alla missione commerciale è un chiaro segno che il paese è disposto a supportare le startup Bitcoin e diventare un hub commerciale di criptovaluta. A prima vista, Blockchain non è il tipo di azienda che ti aspetteresti di essere inclusa in un viaggio ufficiale del governo in Malesia, Singapore, Indonesia e Vietnam.

[tweet_box design = “default”] Nel corso degli anni, il Regno Unito è rimasto il fulcro finanziario dell’Europa e come lo è ora, il paese sembra seguire lo stesso percorso per Bitcoin. [/ tweet_box]

La startup Bitcoin cresce sempre di più insieme all’evoluzione di Bitcoin. In un periodo di sei mesi, le transazioni che coinvolgono API e portafogli di Blockchain sono raddoppiate e la società ha raccolto circa quattro milioni di utenti.

La prospettiva di FinTech 2020

Mentre il Regno Unito svolge un ruolo importante nello sviluppo del settore fintech globale (che contribuisce con 20 miliardi di sterline al paese ogni anno) e nel 2014 è riuscito ad attrarre il 42% di tutti gli investimenti legati al fintech, David Cameron deve ancora essere soddisfatto. A tal fine, ha ospitato FinTech 2020, un evento che mira a rendere il Regno Unito la prima location per circa 25 leader fintech internazionali (sia per quota di mercato globale, valutazione o IPO).

Nel corso degli anni, il Regno Unito, e in particolare Londra, ha accolto diverse società di tecnologia finanziaria. Secondo il rapporto di Accenture, Il Regno Unito prende il comando in Europa quando si tratta di investimenti fintech. Nel paese, gli investimenti sono aumentati del 136% nel 2014, dai 264 milioni di dollari del 2013, a 623 dollari. Tuttavia, la Silicon Valley fa la parte del leone nel settore, con 2 miliardi di dollari rispetto ai 1,48 miliardi di dollari dell’Europa.

Il Regno Unito mira a utilizzare FinTech 2020 come piattaforma per infrangere la norma e coinvolgere diverse società tecnologiche. Cameron è ottimista su questo obiettivo e la sua prima mossa è stata quella di includere le startup fintech nella missione commerciale nel sud-est asiatico.

Cameron porta con sé 31 leader aziendali provenienti da tutto il Regno Unito, inclusa un’importante delegazione di società fintech, come Iwoca e Ratesetter di Innovate Finance, nonché Al Rukies.

Bitcoin ha una possibilità?

Questa è una domanda delicata. Tuttavia, i responsabili politici nel Regno Unito sono disposti a iniziare a lavorare con società di criptovaluta e Bitcoin a Londra. Stanno già attirando l’industria Bitcoin con varie offerte e FinTech 2020 potrebbe essere solo una di queste. All’inizio del 2014, il ministro delle finanze George Osborne ha menzionato nel suo discorso a Canary Wharf, a Londra, quello il governo ha iniziato a valutare il potenziale delle valute digitali come Bitcoin.

“Questi sistemi di pagamento alternativi sono popolari perché sono rapidi, economici e convenienti – e voglio vedere se possiamo farne un uso maggiore a vantaggio dell’economia del Regno Unito e dei consumatori britannici. Voglio anche essere attento ai rischi che accompagnano qualsiasi nuova tecnologia. Con il giusto sostegno del governo, credo che possiamo rendere Londra la capitale mondiale del fintech “, ha affermato il cancelliere George Osborne,

Sulla base di ciò che sta accadendo nel Regno Unito e nel FinTech 2020, è chiaro che il governo vuole consentire alle criptovalute di funzionare all’interno di un quadro giuridico, potenziando al contempo l’ecosistema delle criptovalute nel paese.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me