La banca centrale argentina ha paura del bitcoin

Un’altra delle banche centrali del mondo ha pubblicamente “messo in guardia” i cittadini Bitcoin. La banca centrale argentina ha pubblicato una dichiarazione su Bitcoin sul proprio sito web ufficiale, avvertendo della mancanza di corso legale, volatilità e utilizzo di Bitcoin in attività fraudolente e riciclaggio di denaro. Sembra che la Banca abbia emesso questo avvertimento semplicemente per ricordare ai cittadini argentini che se usano Bitcoin, stanno negoziando in una valuta non autorizzata per l’uso in base alle leggi sul corso legale dell’Argentina. Ovviamente, man mano che Bitcoin diventa più diffuso nell’economia mondiale, le banche centrali del mondo si affretteranno a regnare nella criptovaluta e rimetteranno i cittadini del globo sulla loro offerta di valuta inflazionistica, in costante deprezzamento:

“Pertanto, si suggerisce al pubblico degli utenti di notare che la cosiddetta” valuta virtuale “non è emessa dalla Banca centrale o da altre autorità monetarie internazionali, pertanto non ha corso legale né possiede approvazione.”  

Nota: questa citazione è una traduzione del documento spagnolo originale pubblicato sul sito web della banca centrale. Pertanto, questa citazione potrebbe non essere accurata al 100%.

Per vedere la dichiarazione originale in spagnolo, puoi trovarla Qui.

L’avvertimento lanciato dalla Banca centrale argentina è simile al recente comunicato rilasciato da Yves Mersch, un membro del comitato esecutivo della Banca centrale europea. In questa dichiarazione, Mersch ha affermato che Bitcoin non è un sistema monetario praticabile per alcuni degli stessi motivi che hanno suscitato l’avvertimento dalla banca centrale dell’Argentina.

Questa dichiarazione della banca centrale argentina sembra ironica considerando la storia di iperinflazione e instabilità economica del paese. Se la banca ritiene che Bitcoin sia volatile, dovrebbe dare un’occhiata alla propria storia economica.

L’Argentina è stata storicamente afflitta da instabilità economica e inflazione; ecco alcuni tassi di inflazione storici per l’Argentina:

Tassi di inflazione per l’Argentina:

Dicembre 2013 ……………………………………… .10.90%

#Crypto ExchangeBenefits

1

Binance
Best exchange


VISIT SITE
  • ? The worlds biggest bitcoin exchange and altcoin crypto exchange in the world by volume.
  • Binance provides a crypto wallet for its traders, where they can store their electronic funds.

2

Coinbase
Ideal for newbies


Visit SITE
  • Coinbase is the largest U.S.-based cryptocurrency exchange, trading more than 30 cryptocurrencies.
  • Very high liquidity
  • Extremely simple user interface

3

eToro
Crypto + Trading

VISIT SITE
  • Multi-Asset Platform. Stocks, crypto, indices
  • eToro is the world’s leading social trading platform, with thousands of options for traders and investors.

1944-2013 ……………………………………………… 205,68% (media)

Minimo storico (febbraio 1954) …………………………… -7%

Massimo storico (marzo 1990) ………………………… .20262,80%

Fonte: tradingeconomics.com

Dati questi tassi di inflazione selvaggiamente instabili, che significa necessariamente una grande volatilità nel potere d’acquisto della valuta argentina, sembra oscuramente umoristico che la banca centrale argentina arrivasse al punto di avvertire i cittadini argentini sull’uso di una valuta volatile.

#CRYPTO BROKERSBenefits

1

eToro
Best Crypto Broker

VISIT SITE
  • Multi-Asset Platform. Stocks, crypto, indices
  • eToro is the world’s leading social trading platform, with thousands of options for traders and investors.

2

Binance
Cryptocurrency Trading


VISIT SITE
  • ? Your new Favorite App for Cryptocurrency Trading. Buy, sell and trade cryptocurrency on the go
  • Binance provides a crypto wallet for its traders, where they can store their electronic funds.

#BITCOIN CASINOBenefits

1

Bitstarz
Best Crypto Casino

VISIT SITE
  • 2 BTC + 180 free spins First deposit bonus is 152% up to 2 BTC
  • Accepts both fiat currencies and cryptocurrencies

2

Bitcoincasino.io
Fast money transfers


VISIT SITE
  • Six supported cryptocurrencies.
  • 100% up to 0.1 BTC for the first
  • 50% up to 0.1 BTC for the second

Perché le banche centrali hanno così paura di Bitcoin?

Questi avvertimenti della banca centrale sono un indicatore della diffusione di Bitcoin. Le banche centrali del mondo hanno paura di Bitcoin, e dovrebbero esserlo. Poiché Bitcoin continua a crescere in popolarità e sempre più aziende iniziano ad accettare Bitcoin come mezzo di pagamento, il denaro fiat controllato dal governo diventerà sempre più irrilevante. Inoltre, man mano che il valore di Bitcoin cresce, la valuta fiat diminuirà necessariamente di valore rispetto a Bitcoin. Cosa significa questo per le banche centrali? Significa che sono minacciati da Bitcoin con una perdita di potere, una perdita del loro controllo monopolizzato sulle strutture monetarie dei rispettivi paesi. Naturalmente, questi banchieri assetati di potere sono terrorizzati da questa prospettiva. Questa paura è ciò che motiva queste banche centrali a emettere questi “avvertimenti” su Bitcoin per cercare di scoraggiare le persone dall’usare la valuta digitale. Ma la gente non ascolta, questo è chiarissimo.

Le persone non sono più estasiate dal falso senso di complessità in economia che è stato creato dalla scuola di economia keynesiana. I cittadini medi iniziano a svegliarsi e si rendono conto che tutte queste equazioni “economiche” sono basate su false supposizioni e un disperato desiderio di spostare l’economia da una scienza sociale alla sfera delle scienze naturali ed empiriche. Questo tentativo nasce dal desiderio di questi economisti di sentirsi importanti e da una tendenza probabilmente naturale negli esseri umani a tentare di pianificare e controllare tutto. Sembra che i cittadini medi del mondo stiano iniziando a voltare le spalle alla fallace metodologia delle scuole di pensiero economico keynesiano e istituzionalista. Possiamo vedere questo cambiamento nello status quo nella crescente popolarità e accettazione di Bitcoin e nella rinascita della scuola austriaca di economia. Se questa crescente tendenza al cambiamento continua, presto le banche centrali cadranno. E non necessariamente a causa dell’economia globale disastro ci hanno preparato, le banche centrali potrebbero cadere molto prima a causa di una semplice perdita di popolarità. Le persone non vogliono quello che vendono le banche centrali; inflazione, svalutazione valutaria e cattiva economia stanno iniziando a perdere il loro fascino principale. Questi cambiamenti sono il motivo per cui Bitcoin ha un futuro così brillante. Bitcoin offre un modo per sfuggire alle disastrose politiche della banca centrale. In effetti, più le banche centrali distruggono la loro valuta, più il Bitcoin diventerà attraente.

Questo non vuol dire che i sostenitori di Bitcoin dovrebbero desiderare o celebrare il prossimo collasso economico. Questo autore non vuole dipingere il crollo come un altro caso del cliché, “questa è in realtà una buona notizia” che sembra apparire ovunque nella comunità Bitcoin. La transizione tra la caduta della fiat e il massimo aumento di Bitcoin non sarà agevole e molte persone sentono il dolore del collasso economico. Tuttavia, a questo punto un tale collasso sembra inevitabile grazie alle banche centrali del mondo. Questa affermazione non è un tentativo di essere allarmista o sensazionalista, questo collasso economico è semplicemente la conclusione logica dei cicli economici indotti dalla banca centrale. Certo, prima si verifica la fase di contrazione del ciclo economico, meno intensa sarà la depressione. Tuttavia, non c’è modo di invertire effettivamente il danno che verrà inflitto dall’inflazione che è già stata iniettata nei mercati.

Si spera che Bitcoin possa ridurre al minimo il dolore della crisi economica che probabilmente accadrà in futuro. Ma è dubbio che Bitcoin ci permetterà di evitare completamente il dolore che verrà inflitto dalle attuali politiche della banca centrale. Indipendentemente da ciò che accadrà all’economia in futuro, è chiaro che le banche centrali di tutto il mondo sono terrorizzate dal Bitcoin. Questo è molto chiaro. Lavoreranno con i governi nazionali per scoraggiare l’ampia accettazione di Bitcoin. Tuttavia, sembra molto improbabile che vedranno un successo sostanziale nel limitare la crescita di Bitcoin.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me